Per una Calda Mansarda

Mansarda

Molto spesso la mansarda da un sottotetto polveroso e abbandonato e come tale sprovvisto di tutti gli impianti tecnici necessari all'abitabilità.

Tra questi il più importante è il riscaldamento (ovviamente dopo che si sia provveduto a un perfetto isolamento della copertura per evitare inutili fughe di calore e conseguente maggior consumo di combustibili) per assicurare il benessere durante la brutta stagione.
Per installare un impianto di riscaldamento in una mansarda che ne fosse priva si presentano sovente numerosi problemi:

l'impianto centralizzato non è stato previsto anche per questa unità immobiliare e il collegamento non è possibile;

la particolare forma dell'ambiente e la carenza di spazio possono sconsigliare i tipici radiatori, perché il calore si distribuirebbe male;

il combustibile da usare è usualmente il gas di città (e se manca anche questo, bisogna rincorrere alla costosa elettricità) ed è quindi preferibile un sistema che funzioni con acqua a media temperatura;

talvolta si potrebbe evitare di toccare le salette preesistenti per motivi statici e dunque non converrebbe farlo per installare le tubazioni del riscaldamento.

Per risolvere tutti questi problemi sono stati creati dalla tecnologia sistemi di distribuzione del calore che ben si adattano alla mansarda, sia ristrutturata che di nuova costruzione: dai battiscopa riscaldanti, che sotto l'aspetto di un normale zoccolino nascondono i tubi dell'acqua calda o le resistenze elettriche, ai tubi isolati che meglio ripartiscono l'acqua calda, dal sistema di riscaldamento a pavimento a bassa temperature a quello specificamente studiato per le ristrutturazioni.

Installazione di impianti di riscaldamento radiante a pavimento che funzione a bassa temperatura (da 30 a 54 C per l'acqua, da 23 a 27 C per la superficie scaldante):si compone di tubi di polipropilene copolimerizzato, la cui struttura molecolare è naturalmente incrociata e stabilizzata, e di una piastra isolante in polistirolo che, oltre a coibentare termicamente ed acusticamente, serve da supporto e bloccaggio del tubo.

I vantaggi  sono la distribuzione omogenea del calore, l'assenza di correnti convettive e di polvere, la naturale umidità dell'aria, la temperatura più adatta nella parte abitata.

Installazione di impianti di riscaldamento per edifici da ristrutturare: ha elementi scaldanti leggeri e sottili, da posare a secco e da coprire con calcestruzzo additivato, che funzionano a bassa temperatura (da 30 a 40 C) anche collegati a sorgenti alternativi (pannelli solari o pompe di calore) e che assicurano il miglior comfort.

                                                                            Articolo di Severio Capece